“Patrimoni da scoprire: gli affreschi della chiesa di San Giovanni a Mare di Gaeta” di Marco Tedesco, storico dell’arte delegato RAM Formia – Gaeta

La piccola chiesa di San Giovanni a Mare, costruita nella parte medioevale della città di Gaeta in provincia di Latina tra l’XI e il XII secolo, racchiude nel suo impianto a tre navate testimonianze autentiche di storia dell’arte italiana.

 

Gaeta: la chiesa di San Giovanni a mare prima del restauro

Gaeta: la chiesa di San Giovanni a mare prima del restauro

 

Gaeta: la chiesa di San Giovanni a mare dopo il restauro

Gaeta: la chiesa di San Giovanni a mare dopo il restauro

Dall’ultimo restauro effettuato, sono emerse tracce di affreschi che vanno dal XII al XIV secolo. La particolarità della maggior parte di questa decorazione pittorica rilevata nell’ultimo restauro della chiesa sono tracce di affreschi presenti sulle colonne, risalenti al XII secolo. La chiesa di San Giovanni a Mare di Gaeta non è l’unico caso nella storia dell’arte in cui si ha la presenza di colonne affrascate. Basta infatti recarsi a Betlemme, nella basilica della Natività, anch’essa restaurata di recente, dove si può ammirare il colonnato della navata centrale ancora intatto, o restando in territorio italiano a Lodi nella chiesa di San Francesco.

Della decorazione a fresco delle colonne di San Giovanni a Mare, un esempio è questa Madonna affrescata sulla prima colonna a destra della controfacciata della chiesa.

 

Gaeta, interno della chiesa di San Giovanni a Mare con tracce del colonnato affrescato (foto di Alessandra Ciaramaglia)

Gaeta, interno della chiesa di San Giovanni a Mare con tracce del colonnato affrescato (foto di Alessandra Ciaramaglia)

 

Anonimo maestro del XII secolo, La Vergine Maria, part. delle colonne affrescate, Gaeta, Chiesa di San Giovanni a Mare (foto di Alessandra Ciaramaglia)

Anonimo maestro del XII secolo, La Vergine Maria, part. delle colonne affrescate, Gaeta, Chiesa di San Giovanni a Mare (foto di Alessandra Ciaramaglia)

 

Betlemme, interno della basilica della natività con colonnato affrescato

Betlemme, interno della basilica della natività con colonnato affrescato

 

Lodi, interno della chiesa di San Francesco con colonnato affrescato

Lodi, interno della chiesa di San Francesco con colonnato affrescato

 

Nell’affresco della colonna di San Giovanni a Mare, l’iconografia della Vergine che possiamo qui ammirare, con lo sguardo fisso nel vuoto in posizione frontale è tipicamente romanica. Affrescata da un anonimo maestro del XII secolo, la Vergine è qui raffigurata come una regina. Non a caso, come ha sostenuto anche Jacque Le Goff, l’immagine che di Dio era diffusa era quella di Dio visto come Rex e Dominus,Re Signore, dando in questo modo un’immagine della chiesa vista come un Palazzo Reale, ove re e imperatori sono raffigurazioni terrene di Dio (v. Jacques Le Goff, La civiltà dell’Occidente medievale, ed. Mondadori, I classici della storia, pag. 172-173).

 

La scuola del Cavallini

Il XIV secolo, ci presenta un richiamo all’arte giottesca, e lo fa attraverso la scuola di Pietro Cavallini, alla quale è attribuito l’interessante affresco della Madonna con Bambino tra i Santi Arcangeli Michele e Gabriele e San Giovanni Evangelista, santo titolare della chiesa, detto anche Madonna del Popolo.

Scuola del Cavallini, Madonna con Bambino tra i Santi Arcangeli Michele e Gabriele e San Giovanni Evangelista, affresco, XIV sec., Gaeta, Chiesa di San Giovanni a Mare (foto di Alessandra Ciaramaglia)

Scuola del Cavallini, Madonna con Bambino tra i Santi Arcangeli Michele e Gabriele e San Giovanni Evangelista, affresco, XIV sec., Gaeta, Chiesa di San Giovanni a Mare (foto di Alessandra Ciaramaglia)

 

L’affresco, ci presenta la Vergine seduta come una Matrona su un poggio la cui raffigurazione anticipa la tecnica pittorica del trompe-l’oeil utilizzata dai fiamminghi per raffigurare oggetti scolpiti inducendo nell’osservatore l’impressione di essere reali. Tale tecnica pittorica, diverrà nel corso del Quattrocento uno dei cardini della pittura fiamminga. Lo si ritroverà ad esempio nelle opere di Jan Van Eyck, in particolar modo nel Polittico dell’Agnello Mistico conservato a Gand, nella cattedrale di San Bavone.

 

 

Scuola del Cavallini, Madonna con Bambino tra i Santi Arcangeli Michele e Gabriele e San Giovanni Evangelista, part. (foto di Alessandra Ciaramaglia)

Scuola del Cavallini, Madonna con Bambino tra i Santi Arcangeli Michele e Gabriele e San Giovanni Evangelista, part. (foto di Alessandra Ciaramaglia)

 

Jan Van Eyck, Polittico dell'Agnello Mistico, sportelli aperti, 1424/1432, Gand, cattedrale di San Bavone

Jan Van Eyck, Polittico dell’Agnello Mistico, sportelli aperti, olio su tavola, 1424/1432, Gand, cattedrale di San Bavone

 

Jan Van Eyck, Angeli Cantori, part. del Polittico dell’Agnello Mistico, sportelli aperti, olio su tavola, Gand, Cattedrale di San Bavone

Jan Van Eyck, Angeli Cantori, part. del Polittico dell’Agnello Mistico, sportelli aperti, olio su tavola, 1424/1432, Gand, Cattedrale di San Bavone

 

La posa statuaria della Vergine contrasta con l’irrequietezza del Bambino che gioca con il manto della Madre.

Ai lati della Vergine, vi sono i Santi Arcangeli Michele e Gabriele. L’arcangelo Michele è riconoscibile grazie alla bilancia pesa anime, simbolo molto ricorrente nell’iconografia micaelica, l’arcangelo Gabriele indica con la mano sinistra il Bambino in quanto fu proprio Gabriele ad annunciarne la nascita alla Vergine. Entrambi gli Arcangeli hanno le ali dipinte. Tale aspetto lo si riscontrerà nei secoli successivi nello stesso Van Eyck oltre che nel citato Polittico dell’Agnello Mistico anche nella Madonna del Cancelliere Rolin, in Luca Signorelli negli affreschi della cappella di San Brizio del duomo di Orvieto e in Giovanni Balducci nella seicentesca tela conservata nella chiesa di Sant’Anna di Lagonegro, la Madonna con Bambino tra i Ss. Biagio e Giuseppe.

Scuola del Cavallini, Madonna con Bambino tra i Santi Arcangeli Michele e Gabriele e San Giovanni Evangelista, part. (foto di Alessandra Ciaramaglia)

Scuola del Cavallini, Madonna con Bambino tra i Santi Arcangeli Michele e Gabriele e San Giovanni Evangelista, part. (foto di Alessandra Ciaramaglia)

 

Jan Van Eyck, Madonna del Cancelliere Rolin, olio su tavola, 1434-1435, Parigi, Musee du Louvre

Jan Van Eyck, Madonna del Cancelliere Rolin, olio su tavola, 1434-1435, Parigi, Musee du Louvre

 

Luca Signorelli, Resurrezione della carne, dal ciclo affrescato delle Storie degli ultimi giorni, 1499/1502, Orvieto, Duomo, Cappella di San Brizio

Luca Signorelli, Resurrezione della carne, dal ciclo affrescato delle Storie degli ultimi giorni, 1499/1502, Orvieto, Duomo, Cappella di San Brizio

 

Giovanni Balducci, Madonna con Bambino tra Ss. Biagio e Giuseppe, olio su tela, XVII sec., Lagonegro, chiesa di sant’Anna

Giovanni Balducci, Madonna con Bambino tra Ss. Biagio e Giuseppe, olio su tela, XVII sec., Lagonegro, chiesa di sant’Anna

 

Alla destra dell’osservatore, vicino all’arcangelo Gabriele, vi è il santo titolare della chiesa, San Giovanni Evangelista, raffigurato secondo l’iconografia tradizionale con manto rosso e tunica verde, che reca in mano il suo Vangelo aperto come per mostrarlo all’osservatore.

Scuola del Cavallini, Madonna con Bambino tra i Santi Arcangeli Michele e Gabriele e San Giovanni Evangelista, part. (foto di Alessandra Ciaramaglia)

Scuola del Cavallini, Madonna con Bambino tra i Santi Arcangeli Michele e Gabriele e San Giovanni Evangelista, part. (foto di Alessandra Ciaramaglia)

 

L’attribuzione di questo affresco alla Scuola di Pietro Cavallini, è dovuta al fatto che la raffigurazione delle mani dei personaggi ricalca lo stile degli affreschi della Cappella Brancaccio della chiesa di San Domenico Maggiore a Napoli, commissionati a Pietro Cavallini, dal Cardinale Landolfo Brancaccio nel 1308. Cavallini, che al suo arrivo a Napoli fu ospite di Carlo II d’Angiò, intreccerà un rapporto lavorativo con la corte partenopea che lo legherà alla famiglia angioina fino a oltre il 1317.

 

Pietro Cavallini, Noli me tangere, particolare del ciclo affrescato della Cappella Brancaccio, 1308 circa, Napoli, Chiesa di San Domenico Maggiore

Pietro Cavallini, Noli me tangere, particolare del ciclo affrescato della Cappella Brancaccio, 1308 circa, Napoli, Chiesa di San Domenico Maggiore

 

Pietro Cavallini, Noli me tangere, part.

Pietro Cavallini, Noli me tangere, part.

 

Sulla base di questi dati, si potrebbe dunque ascrivere la datazione dell’affresco della Madonna con Bambino tra i Santi Arcangeli Michele e Gabriele e San Giovanni Evangelista alla prima metà del XIV secolo.

 

Conclusioni

Con gli affreschi qui presi in esame, Gaeta offre un importante contributo alla storia dell’arte italiana: una pagina di storia della nostra civiltà artistica che va ad ampliare i tesori dell’arte italiana, che non smette mai di rivelarci soprese.

 

Marco Tedesco

 

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti